Il Nuovo bando “Macchinari Innovativi” nasce per sostenere investimenti diretti a consentire la trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa mediante l’acquisto di macchinari, impianti, attrezzature, programmi informatici e licenze.

La dotazione finanziaria complessiva dello strumento è di € 265.000.000,00.

A chi si rivolge

Possono avvalersene singole micro piccole medie imprese (PMI) oppure soggetti che realizzino programmi di investimento caratterizzati da comuni obiettivi di sviluppo (fino a un massimo di sei co-proponenti),  nei territori delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

Attività economiche ammesse

Codice ATECO 2007

Descrizione Classe

37.00.0

Raccolta e depurazione delle acque di scarico

38.1

Raccolta dei rifiuti

38.2

Trattamento e smaltimento dei rifiuti

38.3

Recupero dei materiali

52

Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti, con esclusione dei mezzi di trasporto

53

Servizi postali e attività di corriere

56.29

Mense e catering continuativo su base contrattuale

56.29

Mense e catering continuativo su base contrattuale

58.12

Pubblicazione di elenchi e mailing list

58.2

Edizioni di software

61

Telecomunicazioni

62

Produzione di software, consulenza informatica e attività connesse

63.1

Elaborazione dei dati, hosting e attività connesse; portali web

69

Attività legali e contabilità

70

Attività di direzione aziendale e di consulenza gestionale

71

Attività degli studi di architettura e d’ingegneria; collaudi ed analisi tecniche

72

Ricerca scientifica e sviluppo

73

Pubblicità e ricerche di mercato

74

Altre attività professionali, scientifiche e tecniche

82.20

Attività dei call center

82.92

Attività di imballaggio e confezionamento per conto terzi

95.1

Riparazione e manutenzione di computer e periferiche.

96.01.01

Attività delle lavanderie industriali

fatta eccezione delle attività connesse ai seguenti settori:

  • siderurgia;
  • estrazione del carbone;
  • costruzione navale;
  • fabbricazione delle fibre sintetiche;
  • trasporti e relative infrastrutture;
  • produzione e distribuzione di energia, nonché delle relative infrastrutture.

Cosa finanzia

I programmi di investimento ammissibili prevedono spese comprese tra € 400.000,00 e € 3.000.000,00. Nel caso di reti d’impresa, la soglia minima può essere raggiunta mediante la sommatoria delle spese connesse ai singoli programmi di investimento proposti dai soggetti aderenti alla rete, a condizione che ciascun programma preveda comunque spese ammissibili non inferiori a € 200.000,00.

Agevolazioni

Le agevolazioni sono concesse )nei limiti delle intensità massime di aiuto stabilite dalla Carta degli aiuti di Stato a finalità regionale valida per il periodo 2014-2020) per una percentuale nominale calcolata rispetto alle spese ammissibili pari al 75 %. 

Per accedere ai dettagli del bando, vi invitiamo a leggere il decreto ministeriale.